La gioia di Cianci: “Siamo una famiglia unita”

L’uomo del giorno. C’è tutta la voglia di riscatto di Pietro Cianci in quel pallone scaraventato in porta.

Negro Carburanti

Una rabbia “sana”, costruttiva, non figlia di rancore o invidie, ma l’atteggiamento positivo di chi non è più un ragazzino acerbo ma un uomo con consapevolezze maggiori, rispetto a ieri. Cianci aveva già inaugurato il suo personale tabellino di reti, in questa stagione, ma l’importanza del gol segnato alla Viterbese, è ineguagliabile. Senza timore di smentite, potremmo anche dire che l’attaccante pugliese ha vissuto la partita più bella da quando è a Catanzaro. 

banner-placanica

banner Mordì

“Entrare a partita in corso non è mai facile, il gol del sorpasso lo abbiamo subito un po tutti – sostiene Cianci in sala stampa -. Chi subentra deve fare proprio questo, aiutare la squadra! La nostra rosa è composta da venticinque giocatori forti e questo è lo spirito da mettere in campo quando tocca a noi. Alla fine ha ripagato. Ogni volta che entro cerco di trasmettere qualcosa in più ai compagni per arrivare alla vittoria”.

genius

Poi, aggiunge: La voglia che ho di giocare non so spiegarla nemmeno io! Oggi il mister mi ha dato la possibilità di giocare un po di più, per fortuna siamo riusciti a pareggiarla e addirittura a vincerla, continuando ad attaccare con pazienza, nonostante le belle parate di Fumagalli“.

Nel fare un confronto con il Cianci rabbuiato e nervoso dello scorso anno e quello attuale, il numero 99 delle Aquile ribadisce un concetto già espresso ai microfoni qualche settimana fa: “L’anno scorso quando non giocavo ci restavo un po male – ammette -. Ma quando siamo partiti per il ritiro avevo giurato a me stesso che qualunque fosse stato il mio utilizzo, la mentalità sarebbe stata sempre mirata ad aiutare la squadra. Tristezza e mugugni non aiutano nessuno! Siamo una famiglia, un gruppo unito, al di là di chi gioca, ci vogliamo bene tutti quanti e vogliamo portare il Catanzaro in alto”. Pensieri nobili, pensieri da leader. E non è escluso che, già a Monopoli tra pochi giorni, Pietro Cianci possa ottenere una maglia da titolare. 

 

P