“Poco da dire, Catanzaro nettamente superiore”: Di Napoli ai microfoni

Catanzaro nettamente superiore.

Negro Carburanti

Eppure aveva parlato di ambizioni e motivazioni, alla vigilia, Raffaele Di Napoli

banner-placanica

Peccato che, nello sport come nella vita, i buoni propositi, le buone intenzioni, di volta in volta debbano incontrare o scontrarsi con la realtà. La realtà per il Giugliano implicava un Catanzaro troppo forte.

banner Mordì

Ma un Catanzaro troppo forte per tutti, quest’anno, anche per la squadra gialloblu, che comunque è andata più volte vicina al gol nella ripresa, impattando contro un Fulignati in versione super: non solo i giallorossi si sono dimostrati spietati e qualitativamente di altro pianeta, ma anche il portierone dell’US ha fornito una della sue migliori performance. 

genius

Alla fine, nella sala stampa del “Partenio – Lombardi”, si presenta un mister Di Napoli sconsolato, a commentare in poche battute lo 0-4 patito per mano delle Aquile di Vivarini. 

“C’è poco da dire, oggi non siamo scesi in campo – ammette, avvilito, il tecnico campano -. Chiediamo scusa alla proprietà ed ai tifosi”.

Rendendo merito al valore del Catanzaro, Di Napoli continua la sua disamina: “Sì, avversari forti, ma noi siamo stati troppo timorosi, in campo – dice -. La cosa bella di questa domenica, l’applauso finale rivolto ai giocatori dai nostri tifosi, ai quali faccio i complimenti, per aver comunque rivolto un tributo alla squadra”.

Giugliano chiamato a formalizzare la matematica salvezza e poi, eventualmente, progettare un piazzamento nella griglia playoff. Tuttavia, è obbligatorio cambiare marcia: “Nel secondo tempo avremmo potuto segnare, abbiamo cercato di giocare un po’ di più la palla, perché siamo stati meno timorosi – osserva il trainer dei Tigrotti -. Fulignati, poi, ha fatto due grandi parate, abbiamo preso due pali, però non c’è stata partita. Il Catanzaro ci è stato superiore, nettamente“. 

 

 

P